Toghe per Avvocati e Magistrati - Toghe per Avvocati e Magistrati

Vai ai contenuti

Menu principale:

Select your language
toghe avvocati macchina da cucire
Toghe per Avvocati, Magistrati e Toghe Universitarie - Since 2010

Realizziamo e vendiamo esclusivamente on line toghe forensi per magistrati, avvocati, cancellieri e toghe universitarie.
Tutti i nostri prodotti sono realizzati a mano in tessuto fresco di lana Tasmania finissimo con finiture di pregio in raso e velluto.
Siamo presenti dal 2010 su Ebay con il 100% di feedback positivi.
Tutti i nostri prodotti usufruiscono della garanzia "Soddisfatti o Rimborsati" entro gg. 5 dal ritiro della merce.
Come metodi di pagamento accettiamo anche Contrassegno, Paypal e Bonifico Bancario.



Brevi Cenni storici sulla Toga Forense:
La toga - il cui nome è collegato con il verbo latino tego,"ricoprire" - era una veste usata dagli antichi romani. Si indossava sopra la "tunica" e  avvolgeva la persona passando sotto
l’ascella destra in modo da lasciare libero il braccio destro e si annodava sopra la spalla sinistra formando, così, ricche pieghe trasversali.
Senza dubbio, la toga era una veste signorile e, comunque, non veniva indossata dalla plebe. Nell’Antica Roma era l’emblema delle cariche pubbliche, del potere civile, dell’attività
politica. A questo proposito il brocardo: "Cedant arma togae" cioè le armi cedano il posto alle civili magistrature, all’attività pacifica -Cicerone, De officiis, I, 77. Da questo motto si
coglie il significato che, già al tempo di Cicerone, veniva attribuito a chi indossava il “cencio nero”; e, cioè si abbandonino le armi e si rimetta la soluzione dei casi nella persona dell
’avvocato, professionista della parola.
Nell’Antica Roma si distinguevano diversi tipi di toga:
la "toga praetexta" - cioè orlata di porpora - era considerata la veste nazionale romana ed era diversificata per colore e per tipo di orlatura a seconda delle cariche e delle
circostanze; la "toga virilis" era il simbolo della maggiore età ( i fanciulli la indossavano a 17 anni ); la "toga purpurea", infine, era privilegio dell’Imperatore.
A seguito del  crollo dell’Impero Romano la toga cadde in disuso per comparire nel Medio Evo come abito solenne per magistrati, patrizi, persone di rango e, perfino, per i medici.
Nel corso dei tempi la toga subì profonde modifiche rispetto al modello originale romano. Essa divenne più ampia e più lunga, venne corredata di maniche e altri accessori, come il
colletto e il copricapo.  
In tal modo la toga è giunta fino ai giorni nostri divenendo la veste tradizionale dei giudici e degli avvocati nei dibattiti processuali, nonché il paramento solenne degli accademici e
dei docenti universitari nelle cerimonie pubbliche.  
Nel tempo sono state più volte fissate precise regole perché la foggia delle toghe rendesse chiaro, evidente il grado o il rango di chi le indossava.  
Gli artt. 104 e 105 del R.D. del 26.08.1926, riguardanti le toghe e i tocchi degli avvocati, così dispongono:
Art. 104. – “Le divise degli avvocati e dei procuratori sono conservate nella foggia attuale, con le seguenti modificazioni: per i procuratori la toga è chiusa ed abbottonata in avanti
con colletto largo cinque centimetri e orlato da una leggera filettatura in velluto e cordoni e fiocchi di seta nera; cravatta di battista bianca con merlettino e tocco in seta senza alcun
distintivo. Per gli avvocati la toga è aperta, con larga mostratura in seta, colletto largo venti centimetri ed orlato da fascia di velluto dell’altezza di tre centimetri, maniche orlate da
fascia di velluto dell’altezza di dieci centimetri, cordoni e fiocchi d’argento misto e seta nera, o d’oro misto a seta nera, (nelle proporzioni di due terzi ed un terzo) a seconda che
siano iscritti nell’albo di un collegio o nell’albo speciale di cui all’art. 17 della legge 25 marzo 1926, n.453, cravatta di battista bianca con merlettino e tocco in seta, fregiato da una
fascia di velluto.
Gli avvocati ed i procuratori debbono indossare le divise nelle udienze dei tribunali e delle corti, nonché dinanzi alle magistrature indicate nel capoverso dell’articolo 4 dalla predetta
Legge e dinanzi ai consigli dell’ordine ed al Consiglio Superiore Forense. Si procede in via disciplinare contro coloro che contravvengono alla presente disposizione”.
Art. 105. – “Il tocco dei membri dei consigli degli ordini dei procuratori è fregiato di un cordoncino di argento misto a seta nera; quello dei presidenti in città non sedi di corte di
appello, di un gallone di argento portante nel mezzo un cordoncino di argento misto a seta nera; e quello dei presenti in città sedi di corte di appello, di due galloni di argento misto
a seta nera.
Il tocco dei membri del consiglio dell’ordine degli avvocati è fregiato di un cordoncino di oro misto a seta nera, quello dei presidenti in città non sedi di corte di appello di un gallone
d’oro portante nel mezzo un cordoncino d’oro misto a seta nera, quello dei presidenti in città sedi di corte di appello e dei membri del consiglio superiore forense di due galloni
portanti nel mezzo di ciascuno di essi un cordoncino d’oro misto a seta nera, e quello del presidente del consiglio stesso di tre galloni di oro portanti anche nel mezzo di ciascuno di
essi un cordoncino d’oro misto a seta nera.
L’argento e l’oro sono in correlazione alla seta nella proporzione di due terzi e di un terzo.
Il tocco dei dirigenti delle associazioni di avvocati e procuratori legalmente riconosciute è egualmente fregiato di speciale distintivo che per il segretario nazionale è costituito di due
galloni di oro misto ad argento in eguali proporzioni, per il segretario dei sindacati di un gallone di oro misto ad argento in eguali proporzioni, per i membri del direttorio di un
cordoncino d’oro misto ad argento anche esso in eguali proporzioni. I cordoncini sono per larghezza ed altezza alquanto più piccoli di quelli degli ufficiali inferiori del regio esercito
e i galloni simili a quelli degli ufficiali superiori.
Il tocco con i fregi predetti si usa nelle cerimonie ufficiali e nelle udienze del consiglio superiore forense. Nelle altre circostanze si usa il tocco di seta con fascia di velluto per gli
avvocati e il tocco di seta per i procuratori”


Inquadra l'immagine con il Tuo Smartphone Android e scarica l'App di MyToga.
Ricerche correlate:
Hai avuto un incidente stradale? Hai bisogno di assistenza? Rivolgiti a SoSincidenti.it
Toghe, Toga, toghe avvocati, toga magistrato, avvocati toghe, toga
universitaria, toghe forensi, cordoniere, pettorina, cordoniere toga
avvocato, pettorine toghe forensi
® 2010 - 2016 MyToga.it All Rights Reserved
Webmaster Rabdo  Corp.
Torna ai contenuti | Torna al menu